Comunicare la salute ai giovani: insieme Ateneo e Comune di Udine e Ass n. 2 Isontina

Iniziano gli incontri con medici e psicologi per sensibilizzare i ragazzi tra i 19 e 21 anni

Giovedì 18 dicembre primo incontro formativo a palazzo Garzolini

Le “smart drug” saranno il tema di un incontro a tu per tu con i giovani, organizzato nell’ambito del progetto dell’ateneo friulano, del Comune di Udine e dell’Azienda per i servizi sanitari n.2 Isontina “Comunicare la salute. Percorsi di consapevolezza nel sistema territoriale per la salute”. Aperto a tutti gli interessati, l’incontro si terrà giovedì 18 dicembre alle 16 nella sala del consiglio del palazzo Garzolini – di Toppo Wassermann in via Gemona 92 a Udine. L’appuntamento apre il ciclo di incontri aperti ai giovani e dedicati ai temi centrali del progetto, il cui obiettivo è promuovere la salute, il benessere psico-fisico e le life skills tra i giovani fra i 19 e 21 anni, mediante azioni di comunicazione sociale via web e incontri tematici con giovani medici.

Coordinerà Carmelo Macauda, responsabile del Ceformed. Roberta Sabbion, responsabile Sert di Pordenone, si confronterà con il pubblico sul tema “Un'ora di pensieri profondi e leggeri sul fenomeno delle smart drugs”. All’iniziativa, organizzata in forma di dibattito P2P, parteciperanno anche alcuni giovani medici in formazione Ceformed (Irene De Santa, Stefano Celotto, Kizito Misehe) e gli psicologi Valeria Franco e Aurelio Oddo. Interverrà l’assessore alla Salute del comune di Udine, Simona Liguori, promotrice del progetto.

Per l’Università di Udine saranno presenti Raffaella Bombi, referente scientifico per l’ateneo del progetto; Vincenzo Orioles, promotore per il Dipartimento di studi umanistici; Manuela Croatto, capo Area Servizi agli studenti e il delegato agli Studenti, Daniele Fedeli. Un Aperincontro offerto ai partecipanti concluderà i lavori e sarà l’occasione per uno scambio di opinioni e per rafforzare la creazione di una community, per ora attiva in maniera virtuale su Facebook e nei video clip diffusi sui monitor di dell’ateneo.